E' deceduto l'ex giocatore e tecnico dell'Austria Karl Stotz

Karl Stotz, giocatore dell'Austria terza alla Coppa del Mondo FIFA 1954 e poi allenatore della nazionale con cui conquistò l'accesso alle fasi finali del 1982, è deceduto all'età di 90 anni.

©Getty Images

L'Austria ha perso uno dei suoi eroi. L'ex giocatore e poi allenatore della nazionale, Karl Stotz, è morto nel sonno lunedì, appena otto giorni dopo aver compiuto 90 anni.

Da giovane Stotz combettè nella Battaglia di Stalingrado della Seconda Guerra Mondiale. Venne catturato e fu prigioniero di guerra per tre anni prima di tornare alla sua città natale, Vienna.

La sua carriera iniziò al FC Wien. Grazie al grande senso di posizione divenne in poco tempo uno dei migliori difensori del campionato. Nel 1951 passò all'Austria Wien dove passò 12 anni di successi, vincendo quattro campionati e due coppe nazionali. Nel 2001 venne inserito nella squadra del secolo del club. 

Stotz debuttò con l'Austria nel marzo 1950 contro la Svizzera. Fu la prima di 42 presenze, compresa la partecipazione alle edizioni 1954 e 1958 della Coppa del Mondo FIFA. Sedette in panchina mentre l'Austria superava 3-1 l'Uruguay per conquistare il terzo posto nel 1954 - tuttora il miglior risultato della storia del calcio austriaco.

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo nel 1963, divenne allenatore, prima all'Austria Vienna e poi, tra il 1978 e il 1981, con la nazionale. Riuscì a conquistare la qualificazione alle fasi finali della Coppa del Mondo 1982 ma fu esonerato subito prima che iniziassero. "Ero così deluso - disse in seguito - che giurai di non lavorare mai più nel calcio".