Semaforo verde per le proposte di riforma

Le riforme sulla governance ideate per rafforzare la UEFA e per aumentarne la trasparenza sono state approvate dalle 55 federazioni nazionali affiliate in occasione del Congresso Ordinario UEFA di Helsinki.

©UEFA.com

La UEFA è pronta a diventare un organo di governo sempre più forte e trasparente nei prossimi anni, a seguito dell'approvazione delle riforme di governance avvenuta durante il 41esimo Congresso Ordinario UEFA di Helsinki.

Le riforme hanno ricevuto il semaforo verde da parte dei delegati delle 55 federazioni nazionali affiliate alla UEFA.

Queste riforme erano elementi fondamentali del manifesto elettorale presentato dal Presidente UEFA Aleksander Čeferin prima delle votazioni di settembre ed erano state appoggiate all'unanimità dal Comitato Esecutivo UEFA a febbraio.

"Questi cambiamenti sono essenziali per ricostruire la nostra immagine, ritrovare la nostra credibilità e rafforzare la nostra legittimità - ha dichiarato il Signor Čeferin -. Questo è un passo necessario verso la sicurezza e la stabilità".

Le riforme verranno ora inserite negli statuti UEFA.

Ecco le proposte più importanti approvate dalle federazioni nazionali:

• Introduzione di limiti di mandato per il Presidente UEFA e i membri del Comitato Esecutivo UEFA, per un massimo di tre mandati quadriennali

• I candidati all'elezione o alla rielezione nel Comitato Esecutivo UEFA devono avere un ruolo dirigenziale attivo (presidente, vice-presidente, segretario generale o CEO) nelle rispettive federazioni nazionali

• Assegnazione di due posti nel Comitato Esecutivo UEFA per i rappresentanti dell'Associazione dei Club Europei (ECA)

• Rafforzamento della Commissione UEFA Governance e Conformità con l'introduzione di altri due membri indipendenti che andranno ad aggiungersi ai tre attuali

• Inclusione di un articolo specifico negli Statuti UEFA per fare in modo che le sedi di ogni competizione UEFA vengano scelte in modo assolutamente imparziale attraverso un processo di candidatura trasparente

• Inclusione di un articolo specifico negli Statuti UEFA per inserire etica e good governance come obiettivi statutari della UEFA

• Permesso a esperti di federazioni nazionali di presiedere commissioni UEFA