Il Commissario europeo Navracsics accoglie le riforme UEFA

Tibor Navracsics, Commissario europeo per l'educazione, la cultura, la gioventù e lo sport, ha manifestato il suo apprezzamento per le riforme alla governance approvate mercoledì al Congresso UEFA di Helsinki.

©UEFA

Tibor Navracsics, Commissario europeo per l'educazione, la cultura, la gioventù e lo sport, ha manifestato il suo apprezzamento per le riforme alla governance approvate mercoledì al Congresso UEFA di Helsinki.

Al congresso, Navracsics si è detto soddisfatto che la UEFA si impegni a promuovere la good governance, che “deve far parte del DNA delle organizzazioni sportive grandi e piccole”.

“Abbiamo visto che gli errori nella governance hanno rovinato l'immagine dello sport - ha dichiarato il Commissario europeo -. Il calcio è particolarmente vulnerabile, anche se non è assolutamente l'unico sport interessato: è soggetto a uno scrutinio ancora più attento solo per la sua grande popolarità”.

Navracsics si è detto contento che a settembre le federazioni abbiano eletto presidente UEFA Aleksander Čeferin, che ha proposto un programma molto incentrato sulla good governance.

“Mi ha fatto anche piacere che la UEFA abbia sottoscritto la dichiarazione che ho presentato lo scorso settembre invitando tutte le federazioni e le organizzazioni sportive, nell'Unione europea e non solo, a integrare una cultura di good governance nelle loro attività.”

“Sono contento di vedere che la UEFA prenda sul serio questo impegno”, ha aggiunto.

“La trasparenza, la responsabilità e il coinvolgimento di tutti gli interlocutori sono la colonna portante dei principi di governance”.

“Lo sport deve riguadagnare la fiducia della gente per rimanere al centro delle nostre società”.

Il Commissario europeo ha sottolineato che la UEFA e la Commissione hanno obiettivi comuni in diverse aree. Il loro accordo formale di cooperazione [firmato nel 2014] interessa vari argomenti, come il fair play finanziario, le combine e le comproprietà.

Navracsics ha aggiunto che il calcio può essere molto di più di un semplice intrattenimento o una passione, ribadendo il potere dello sport nell'avvicinare la gente, promuovere l'inclusione sociale e i valori di fair play, solidarietà e rispetto.

“La UEFA e la Commissione sono consapevoli di questo potere. Questa è un'area in cui possiamo collaborare ancora di più”, ha commentato.

Navracsics ha detto che le due organizzazioni condividono molti valori e aspirazioni, come “l'integrità dello sport, il rispetto per i diritti umani e la dignità, la non discriminazione e la solidarietà”.

Inoltre, ha apprezzato il lavoro della UEFA per promuovere il calcio di base, ad esempio con la UEFA Grassroots Week. L'iniziativa, che si tiene a settembre e si allinea alla Settimana europea dello sport della Commissione europea, promuove lo sport e l'attività fisica in tutto il continente.

“So che la UEFA è molto attiva in questi campi - ha concluso -. Le sue campagne contro il razzismo e la violenza sono state particolarmente importanti. Il calcio sa arrivare alla società come i politici e i governi semplicemente non riescono”.