We care about football

Ispettori

Pubblicato: Martedì, 7 maggio 2013, 14.00CET

Gli ispettori etici e disciplinari rappresentano la UEFA nei procedimenti di fronte alla Commissione Disciplinare, Etica e di Controllo e a quella di Appello. Possono aprire inchieste disciplinari e presentare appelli e contro le decisioni della Commissione Disciplinare, Etica e di Controllo, e rappresentare la UEFA nel caso in cui un soggetto presenti appello contro una decisione dell'Organo di Appello presso il Tribunale Arbitrale dello Sport.

©UEFA.com

 Il Comitato Esecutivo UEFA, il Presidente UEFA, il Segratrio Generale UEFA o gli organismi disciplinari possono chiedere agli ispettori etici e disciplinari di condurre inchieste da soli o insieme a organismi UEFA/non-UEFA.

Il Comitato Esecutivo nomina il numero necessario di ispettori etici e disciplinari e ne sceglie uno come ispettore capo. Tutte le nomine vengono sottoposte al Congresso UEFA per la ratifica.

Capo ispettori disciplinari
Chris Georghiades (Cipro)

Ispettori etici e disciplinari
Nodar Akhalkatsi (Georgia)
Anna Bordiugova (Ucraina)
David Casserly (Repubblica d'Irlanda)
Dimitrios Davakis (Grecia) 
Karl Dhont (Belgio)
Nils Fisketjønn (Norvegia) 
Josef Geisler (Austria)  
Miguel Liétard Fernández-Palacios (Spagna)
Jean-Samuel Leuba (Svizzera)
Amir Navon (Israele) 
Jürgen Paepke (Germania) 
Jan Pauly (Repubblica ceca) 
Ivan Robba (Gibilterra)
Prune Rocipron (Francia)
Peter J van Zunderd (Olanda)
Duygu Yaşar (Turchia) 

Ultimo aggiornamento: 28/02/17 10.15CET