Albania

AlbaniaFedercalcio Albanese

We care about football

L'Albania continua a crescere

Il calcio albanese riflette la storia turbolenta del paese, ma i talenti non sono mai mancati.
L'Albania continua a crescere
Albania players celebrate ©AFP/Getty Images

L'Albania continua a crescere

Il calcio albanese riflette la storia turbolenta del paese, ma i talenti non sono mai mancati.

Il calcio è sbarcato in Albania agli albori del XX secolo quando gli abitanti di Shkoder, nel nord del paese, hanno iniziato a guardare con stupore alcuni studenti di una missione cristiana che giocavano ad uno strano gioco. La popolarità di questo gioco è andata gradualmente aumentando sotto l’impero ottomano.

Shkoder ha confermato il ruolo di città natale del calcio albanese nel 1913 quando una squadra della città, chiamata Indipendenza, ha affrontato una compagine di soldati austro-ungarici. Secondo i report dell'epoca la partita si è giocata in due tempi da 45 minuti seguendo tutte le regole del gioco. Nessun'altra partita si è giocata fino al 1921, quando il Vllaznia, club di Shkoder formato nel febbraio del 1919, ha affrontato e battuto una squadra fondata un anno dopo, l'Agimi.

Altre città hanno seguito l’esempio, e il 6 giugno del 1930 veniva istituita la Federcalcio albanese (FSF), che nel 1932 entrava a far parte della FIFA, il massimo organo calcistico mondiale. Nel 1954 è arrivata invece l’adesione alla UEFA, organo calcistico europeo.

Nonostante la diffusione del gioco in questo periodo, la difficile situazione economica nel paese ha impedito lo sviluppo di solide infrastrutture per i nuovi club. Tuttavia, l’Albania ha prodotto diversi giocatori di talento che hanno cercato fortuna all’estero. Tra questi si segnalano Riza Lushta, Loro Boriçi e Naim Kryeziu, che hanno giocato rispettivamente per la Juventus FC, la S.S. Lazio e l’AS Roma tra il 1940 e il 1944.

Intanto, nel 1930 prendeva inizio un campionato nazionale a sei squadre: KS Skënderbeu Korçë, KS Bashkimi Shkodran, KS Teuta Durrës, KS Urani Elbasan, SK Vlora e SK Tirana, attuale KF Tirana. La prima partita in assoluto è un successo per 3-2 del Tirana sul Bashkimi. La vincitrice del primo torneo è stata l’SK Tirana, ancora oggi una delle squadre a dominare la scena nazionale insieme a KS Dinamo Tirana, KS Vllaznia e FK Partizani.

Gli anni successivi alla seconda guerra mondiale hanno visto l’avvento di un nuovo ordine politico. L’introduzione del sistema comunista ha accresciuto la popolarità del calcio, che veniva infatti inculcato al popolo attraverso infrastrutture migliori ed un’organizzazione fatta di aziende statali, scuole, paesi e città.

La nazionale albanese ha debuttato il 22 settembre del 1946 battendo per 5-0 Montenegro. Un altro risultato da ricordare è l'1-1 contro l'Irlanda del Nord di George Best e Pat Jennings nel novembre del 1965 che ha impedito agli ospiti di andare ai Mondiali FIFA. Uno dei risultati di maggior prestigio risale poi al dicembre del 1967, quando l’Albania ha imposto il pari (0-0) alla Germania Ovest in una gara di qualificazione valida per il Campionato Europeo UEFA negando anche ai tedeschi la qualificazione.

Dopo il 1991, con la fine dell’economia centralizzata e di quel sistema politico, sono arrivati una serie di cambiamenti politici ed economici che avrebbero subito giovato al paese. I calciatori albanesi hanno potuto così iniziare a giocare anche all’estero. Sulejman Demollari si è trasferito all’FC Dinamo Bucuresti (Romania), Rudi Vata all’Enosis Neon Paralimni FC (Cipro). Anche la vicina Grecia e i paesi balcani confinanti sono diventati presto una meta privilegiata per i migliori giocatori del paese.

Cambiamenti di questo tipo nella vita di un paese sono sempre difficili ed il ruolo della UEFA nell’aiutare le federazioni minori si è rivelato di fondamentale importanza. La Federcalcio albanese ha infatti potuto dotare il paese di infrastrutture più solide grazie ai finanziamenti del massimo organo calcistico europeo.

La nazionale albanese sta cercando di raccogliere risultati importanti sia sulla scena continentale che mondiale, come dimostra il successo 2-1 contro la Grecia, allora campione d'Europa, del 4 settembre 2004 nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2006. Più di recente, il successo 1-0 in Portogallo e il pareggio 1-1 contro la Danimarca hanno aumentato le chance di qualificazione della squadra a UEFA EURO 2016. Da evidenziare anche il pareggio 1-1 in amichevole contro la Francia del novembre 2014.

A livello di club lo Skënderbeu, vincitore dal 2011 al 2014 delle ultime quattro edizioni della Kategoria Superiore, è diventato la prima squadra albanese a raggiungere il terzo turno preliminare di UEFA Champions League nel 2013/14 e nella stessa estate ha disputato gli spareggi di UEFA Europa League insieme all'FK Kukësi. I motivi per essere ottimisti, dunque, non mancano.

http://it.uefa.com/member-associations/association=alb/news/newsid=941712.html#lalbania+continua+crescere

Vai in cima alla pagina  

Presidente

 

Armand Duka

Armand Duka

Nazionalità: Albanese
Data di nascita: 7 ottobre 1962
Presidente dal: 2002

• Con una laurea in Economia dell'Università di Tirana, Armand Duka è una figura rispettata nella regione di Durres, che si è imposta come imprenditore a capo di una azienda che produce principalmente mangimi per animali e uova.

• E' entrato nel mondo del calcio come presidente della squadra di Shijak, l'KF Erzeni, e Duka è stato eletto la prima volta presidente della federcalcio albanese (FShF) nel 2002, determinato a migliorare l'immagine del calcio albanese, a promuovere lo sport e sviluppare le infrastrutture calcistiche del paese ìì.

• Dopo essere stato eletto per la terza volta nel 2010, Duka ha detto: "Il mio obiettivo è raddoppiare il numero di squadre giovanili, migliorare le infrastrutture dei club professionistici in linea con le richieste UEFA e migliorare i risultati delle squadre albanesi, a livello di club e nazionali, nelle competizioni UEFA".

Segretario generale

 

Ilir Shulku

Ilir Shulku

Nazionalità: albanese
Data di nascita: 20 gennaio 1971
Segretario generale dal 2012

• Ex capitano della nazionale albanese, Ilir Shulku è stato calciatore professionista dal 1987 al 2001, iniziando e concludendo la carriera all'FK Partizani. Inoltre, ha passato diverse stagioni in Grecia e in Germania. Nell'Albania, Shulku ha collezionato 41 presenze e un gol dal 1993 al 1999.

• Nel 2006 è diventato direttore delle attività giovanili della Federcalcio albanese (FShF), mentre in seguito è stato promosso a direttore di tutte le attività nazionali della federazione.

• Nominato segretario generale della FShF dal 1° novembre 2012, Shulku ha anche il patentino da allenatore FIFA Pro e ha lavorato come tecnico nel Partizani e nel KS Besa.

Info Federazione

  • Fondato: 1930
  • Affiliazione UEFA: 1954
  • Affiliazione FIFA: 1932
  • Indirizzo: Rruga e Elbasanit 1000 TIRANA
  • Telefono: +355 42 346605
  • Fax: +355 42 346609

Coefficienti club per paese

PaeseSquadreP.ti
35IslandaIslanda0/48.375
36FinlandiaFinlandia0/47.650
37AlbaniaAlbania0/36.916
38Repubblica d'IrlandaRepubblica d'Irlanda1/46.575
39Bosnia ed ErzegovinaBosnia ed Erzegovina0/46.500
Ultimo aggiornamento: 07/12/2016 08:39 CET

Palmarès delle Nazionali

Nessun titolo vinto

Competizioni nazionali

Super League Albanese 2016/17

SquadreGP.ti
1FK Kukësi2652
2FK Partizani2652
3KF Skënderbeu2650
4KS Luftëtari2636
5KF Vllaznia2632
6KF Tirana2630
7KF Teuta2628
8KF Laçi2625
9KS Flamurtari *2622
10KS Korabi2612
* KS Flamurtari: 6 punto(i) di penalizzazione
Ultimo aggiornamento: 19/03/2017 19:32 CET