Spagna

SpagnaFedercalcio Reale Spagnola

We care about football

La Spagna va al massimo

La Spagna sta vivendo il suo massimo momento di gloria calcistica, con due trionfi consecutivi a livello continentale inframezzati dalla vittoria alla Coppa del Mondo FIFA 2010.
La Spagna va al massimo
Il capitano della Spagna Iker Casillas solleva il trofeo dopo il successo contro la Germania in finale a UEFA EURO 2008 ©Getty Images

La Spagna va al massimo

La Spagna sta vivendo il suo massimo momento di gloria calcistica, con due trionfi consecutivi a livello continentale inframezzati dalla vittoria alla Coppa del Mondo FIFA 2010.

La Spagna può guardare al passato con orgoglio pensando alla propria tradizione calcistica che è stata di recente ravvivata dai successi a UEFA EURO 2008 e UEFA EURO 2012, inframezzati da quello alla Coppa del Mondo FIFA 2010. Il recente predominio di una delle nazioni fondatrici della UEFA è così grande da essere riconosciuto in Europa e nel mondo.

La prima pietra miliare spagnola è la creazione della Federcalcio Reale spagnola (Real Federación Española de Fútbol o RFEF), che è stata fondata nel 1909. Dopo che la RFEF ha ricevuto il titolo reale il 23 settembre 1913, è stata ammessa nella FIFA il 27 luglio 1914. Anche se ci sono volute altre sei estati prima che una nazionale spagnola facesse il suo debutto, perdendo 1-0 con la Danimarca nell'agosto 1920, questo sport ha messo radici profonde nel territorio iberico,

Il primo indicatore del fatto che il calcio fosse giunto in Spagna arriva nel 1889 con la nascita dell'RC Recreativo de Huelva. La prima edizione della Coppa di Spagna risale al 1903 e da allora l'FC Barcelona, l'Athletic Club Bilbao e l'odierno Real Madrid hanno dominato. Dopo dieci anni la RFEF contava 25 club registrati. Nonostante questo, un primo campionato nazionale è iniziato solo nel 1929, e comprendeva 10 squadre, arrivate a 22 nella stagione 1995/96 e poi scese alle attuali 20 l'anno successivo.

Nonostante l'inizio lento, la storia della RFEF mostra dei picchi prima del grande successo del 2008. La federazione è infatti stata rappresentata al meglio sia a livello di club che di nazionali. La nazionale maggiore ha vinto il Campionato Europeo UEFA nel 1964, battendo in finale l'URSS a Madrid con gol di Jesús María Pereda e Marcelino Martínez. La squadra olimpionica ha conquistato l'oro nei Giochi di Barcellona del 1992, oltre agli argenti di Anversa nel 1920 e di Sydney nel 2000. La lista dei titoli si allunga di molto se si considerano le competizioni giovanili: Europeo UEFA Under 21 nel 1986, 1998, 2001 e 2013; Mondiale FIFA U20 nel 1999; Europeo UEFA Under 19 (in precedenza U18) negli anni 1995, 2002, 2004, 2006, 2007, 2011 e 2012; Europeo UEFA Under 17 (in precedenza U16) negli anni 1986, 1988, 1991, 1997, 1999, 2001 e 2007.

Lo stesso discorso vale per il calcio femminile, con la Spagna trionfatrice ai Campionati Europei UEFA Under 17 Femminili nel 2010 e 2011 e a quelli Under 19 del 2004.

E' da queste basi che sono nati i successi di Luis Aragonés nel 2008 e di Vicente del Bosque nel 2010 e 2012. Giocatori come David Villa, Iker Casillas, Xavi Hernández, Andrés Iniesta e Fernando Torres non hanno solo aiutato La Roja a conquistare un tris di successi senza precedenti, ma hanno anche stabilito una serie di record con la nazionale.

La Spagna ha fatto bene anche nel futsal. Vincitrice del Mondiale FIFA di Futsal nel 2000 e nel 2004, la nazionale ha dominati gli Europei UEFA di Futsal negli anni 1996, 2001, 2005, 2007, 2010 e 2012. Anche i club spagnoli hanno fatto bene nella Coppa UEFA Futsal, dove Playas de Castellón FS, due volte, Interviú Madrid, in tre occasioni, e Barcellona, due volte, sono diventati campioni europei.

Recentemente, in ogni caso, l'eredità spagnola più importante rimane quella nella Coppa dei Campioni e UEFA Champions League. I nove successi del Real Madrid nella competizione rimangono ineguagliati. Il Real ha dominato le prime cinque edizioni della competizione. Il Barcellona lo ha vinto quattro volte, tre negli ultimi anni. Il Real, come Sevilla FC e Valencia CF, ha anche portato la Coppa UEFA in Spagna. Barcellona, Club Atlético de Madrid, Valencia e Real Zaragoza hanno invece vinto la Coppa delle Coppe UEFA e l'Atlético ha vinto due delle prime tre edizioni della UEFA Europa League, mnetre nel 2014 il trionfo è andato al Siviglia.

Questi successi hanno alzato la qualità dei club della Liga e il campionato spagnolo è tra i più apprezzati. Dal calcio di base fino a quello di elite, il presente di questo sport in Spagna è sempre più roseo.

http://it.uefa.com/member-associations/association=esp/news/newsid=947986.html#la+spagna+massimo

Vai in cima alla pagina  

Presidente

 

Ángel María Villar Llona

Ángel María Villar Llona

Nazionalità: spagnolo
Data di nascita:
21 gennaio 1950
Presidente da:
1992

• Cresciuto nelle giovanili dell'Athletic Club di Bilbao, Ángel María Villar Llona ha esordito in prima squadra nel 1971 ed è stato titolare al San Mamés per circa 10 anni. Inoltre ha collezionato 22 presenze e tre gol in nazionale e conquistato il secondo posto in Coppa UEFA nel 1977. Dopo aver studiato giurisprudenza mentre giocava, è stato uno dei membri fondatori della Assocalciatori spagnola nel 1978 e successivamente è stato presidente della federazione locale di Vizcaya, fino a diventare presidente della Federcalcio spagnola (RFEF) nel 1988.

• Villar Llona occupa molti ruoli nelle istituzioni spagnole, europee e mondiali - tra cui spiccano quelli nei comitati esecutivi di FIFA e UEFA di cui è vice-presidente. E' anche portavoce del Comitato Olimpico spagnolo. Sotto la sua guida il calcio spagnolo ha vissuto il periodo di maggior successo, vincendo UEFA EURO 2008, UEFA EURO 2012 e i Mondiali FIFA del 2010 oltre a conquistare la medaglia d'oro ai Giochi Olimpici di Barcellona nel 1992 e quella d'argento a Sydney nel 2000. Sempre con Villar sono arrivati due Mondiali FIFA di Futsal e sei Campionati Europei UEFA di Futsal, oltre a svariati titoli giovanili, tra cui il Mondiale FIFA Under 20. Successi anche nel calcio femminile con i titoli europei UEFA a livello di Under 19 e Under 17.

• Sposato e padre di tre figli, Villar Llona ha dichiarato: "Per me il calcio è la vita. Ho giocato a tutti i livelli, dalle giovanili fino alla nazionale, e ho provato la passione e la gioia che questo splendido gioco sa regalare. So anche anche quanto significhi il calcio per milioni di persone e provo a concretizzare questi sentimenti nel mio lavoro, sperando di migliorare questo sport per le future generazioni".

Segretario generale

 

Jorge Juan Pérez Arias

Jorge Juan Pérez Arias

Nazionalità: spagnola
Data di nascita: 9 novembre 1956
Segretario generale dal: 2003

• Jorge Pérez si laurea in giornalismo e inizia a lavorare per l'agenzia di stampa EFE nel 1980, specializzandosi nello sport. Durante il decennio passato all'agenzia lavora in occasione di Mondiali FIFA 1982 e 1986 ed Europei UEFA 1984 e 1988.

• Nel 1990 passa alla Federcalcio spagnola (RFEF) come capo ufficio stampa, mantenendo l'incarico fino al gennaio del 1997 prima di diventare direttore delle relazioni esterne della RFEF. Durante il periodo nell'ufficio stampa lavora con le nazionali alle Olimpiadi del 1992 e 1996, agli Europei Under 21 UEFA del 1996, ai Mondiali FIFA 1990 e a EURO '96.

• L'8 ottobre 2003 viene nominato segretario generale della RFEF, ruolo che ancora ricopre. Jorge Pérez ha ricevuto la medaglia d'oro e d'argento per meriti sportivi dal dipartimento statale dello sport, oltre a numerosi altri premi e riconoscimenti. Ha anche pubblicato diversi libri sulla nazionale spagnola, ed è stato editor della rivista Fútbol – pubblicazione ufficiale della RFEF.

Info Federazione

  • Fondato: 1909
  • Affiliazione UEFA: 1954
  • Affiliazione FIFA: 1913
  • Indirizzo: Ramón y Cajal, s/n Apartado postal 385 28230 LAS ROZAS (Madrid)
  • Telefono: +34 91 495 9800
  • Fax: +34 91 495 9801

Coefficienti club per paese

PaeseSquadreP.ti
1SpagnaSpagna7/794.141
2GermaniaGermania6/773.355
3InghilterraInghilterra6/769.105
4ItaliaItalia6/666.832
5FranciaFrancia5/650.332
Ultimo aggiornamento: 07/12/2016 08:39 CET

Palmarès delle Nazionali