Estonia

EstoniaFedercalcio Estone

We care about football

Progressi estoni

Dopo la conquista dell’indipendenza l’Estonia ha dovuto faticare per imporsi sulla scena internazionale. I progressi, comunque, sono stati costanti.
Progressi estoni
Martin Reim ha collezionato 157 presenze con l'Estonia ©Getty Images

Progressi estoni

Dopo la conquista dell’indipendenza l’Estonia ha dovuto faticare per imporsi sulla scena internazionale. I progressi, comunque, sono stati costanti.

Analogamente ai molti nuovi stati emersi sulla scena europea dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, l’Estonia ha visto svilupparsi una propria dimensione calcistica dopo aver ritrovato l'indipendenza del 1991. Sebbene il paese debba ancora mettersi in evidenza nelle competizioni internazionali, la nazionale ha sorpreso molti chiudendo davanti a Serbia, Slovenia e Irlanda del Nord il proprio girone di qualificazione a UEFA EURO 2012 e raggiungendo gli spareggi come seconda dietro l'Italia.

È grazie ad alcuni marinai inglesi che il calcio fa la sua apparizione in Estonia verso la fine del 19esimo secolo. Lo sport acquista subito una grande popolarità e sia Narva che Tallinn si contendono l’onore di aver ospitato la prima partita. In ogni caso, il primo incontro del quale si abbiano notizie ufficiali si svolge a Tallinn il 6 giugno e vede scendere in campo Meteoor e Merkuur, le prime due società ad essere fondate.

Quando, il 14 dicembre 1921, viene istituita la Federcalcio estone (EJL), il numero delle squadre è salito a 29 e si disputa già un campionato nazionale. Già in precedenza, l’Estonia avevano avuto il suo battesimo in campo internazionale nella partita contro la Finlandia, giocata il 20 ottobre 1920. Al 1923 risale l’adesione alla FIFA.

La prima partita si conclude con una sconfitta per 6-0, alla quale segue, poi, un pareggio contro la Svezia, nel luglio 1921. La prima vittoria arriva in occasione del sesto incontro internazionale, 5-0 contro la Lituania, disputato a Kaunas il 24 luglio 1923. L’Estonia partecipa anche ai Giochi Olimpici di Parigi, 1924, dove viene eliminata al primo turno dagli Stati Uniti.

Negli anni che portano al 1939, l’Estonia partecipa con regolarità a competizioni calcistiche tra nazioni baltiche, contro Lituania e Lettonia,  aggiudicandosi il torneo nel 1929, 1931 e 1938. La nazionale prende parte anche alle qualificazioni per la Coppa del Mondo FIFA del 1934 e del 1938, e consegue la sua prima vittoria contro la Finlandia nel 1937. Lo sviluppo dell’Estonia, tuttavia, è costretto ad una brusca interruzione nel 1940, quando la nazione viene annessa all’Unione Sovietica. La vittoria interna per 1-0 contro la Lettonia, 20 luglio 1940, segna l’ultimo incontro ufficiale della nazionale, prima che la EJL venga forzatamente costretta a cessare l’attività.

Anche se l’Estonia non poteva minimamente pensare all’idea di far parte della UEFA, quando, nel 1954, viene fondato l’organo di governo del calcio europeo, il campionato estone continua ad essere disputato negli anni dell’isolamento internazionale. L’EJL viene finalmente ricreata nel 1988, e nel 1991 può rioccupare il suo ruolo nell’ambito delle attività della FIFA.

Il 3 giugno 1992, l’Estonia disputa la sua prima amichevole internazionale dopo oltre 50 anni, pareggiando 1-1 contro la Slovenia. Nello stesso anno, la nazione, fresca di indipendenza, diventa membro della UEFA. Le rappresentative nazionali e di club estoni, partecipano, quindi, a quasi tutte le competizioni organizzate dalla UEFA per squadre maschili, femminili e giovanili.

Dalla ripresa del campionato nazionale, la Meistriliiga, avvenuta nel 1992, l’FC Flora e l’FC Levadia Maardu si sono imposte come le squadre più forti, anche se, va detto, che l’FC Norma ha vinto due titoli consecutivi dei primi anni '90 e che anche l’FC Lantana si è affermata più volte in campionato. Dopo la conquista dell’indipendenza l’Estonia ha inizialmente faticato non poco per imporsi sulla scena internazionale. I progressi, comunque, sono stati costanti come dimostrano i pareggi riportati nelle varie qualificazioni ai Campionati Europei UEFA contro Scozia, Croazia e Bulgaria.

I due giocatori più rappresentativi del calcio estone sono due portieri. Evald Tipner, che ha difeso la porta dello Sport Tallinn dal 1924 al 1939, e Mart Poom, titolare della nazionale dal 1992, trasferitosi dal Flora in Inghilterra e ritiratosi nel 2009. Martin Reim, 157 presenze in nazionale, è un eroe locale che non si è mai imposto all'estero. Anche lui ha smesso nel 2009, quattro anni dopo Marko Kristal (143 presenze in nazionale).

Non mancano nomi di altri giocatori che si sono affermati all’estero, come Indrek Zelinski, Urmas Rooba, Kristen Viikmäe, Raio Piiroja, Sergei Terehhov, Joel Lindpere e Marek Lemsalu in Scandinavia; Andres Oper in Olanda, Ragnar Klavan in Germania, Sergei Pareiko in Russia. Considerando l’impegno profuso a livello di settori giovanili - come il fatto di ospitare gli Europei UEFA Under 19 nel 2012 -, è facile prevedere che a questa lista si aggiungeranno altri elementi, a conferma dell’ottimismo con il quale il calcio estone guarda al proprio futuro.

Le aspirazioni dell'Estonia sono cresciute dopo la sorprendente fase di qualificazione per UEFA EURO 2012: secondo posto nel giro davanti a Serbia, Slovenia e Irlanda del Nord e prima qualificazione di sempre per gli spareggi. L'avventura estone, tuttavia, si è conclusa con una pesante sconfitta casalinga per mano della Repubblica d'Irlanda, che ha reso inutile il pareggio del ritorno. 

http://it.uefa.com/member-associations/association=est/news/newsid=946760.html#progressi+estoni

Vai in cima alla pagina  

Presidente

 

Aivar Pohlak

Aivar Pohlak

Nazionalità: estone
Data di nascita: 19 ottobre 1962
Presidente della Federcalcio dal: 2007

• Laureato presso il Politecnico di Tallinn, Aivar Pohlak scriveva libri per bambini e insegnava lingua e letteratura estone oltre che matematica. Nel  maggio del 1990, si è impegnato a ravvivare il calcio dell'Estonia post sovietica fondando l'FC Flora con un gruppo di amici.

• Primo allenatore del Flora, ha brevemente militato nel club nel ruolo di attaccante e ne è stato presidente fin dall'inizio. Nel 1992 è stato assistente del Ct della nazionale estone, giocando successivamente all'FC Kuressaare. Nel 2002 ha ricevuto un importante premio nazionale per il suo lavoro, mentre negli ultimi tempi ha lavorato come consigliere locale.

• Membro del consiglio della Federcalcio estone (EJL) dal 1993, ne è diventato vicepresidente nel 2003, mentre quattro anni dopo ha assunto la presidenza 2003. "Vogliamo costruire basi solide per il calcio estone - ha commentato -. Solo così potremo tenere testa ai club e alle nazionali di tutto il mondo, a prescindere dal loro livello".

Segretario generale

 

Anne Rei

Anne Rei

Nazionalità: estone
Data di nascita: 17 giugno 1969
Segretario generale dal: 2012

• Anne Rei vanta un passato nell’atletica leggera ma opera nel calcio da 20 anni. E’ stata direttrice del torneo in occasione della fase finale del Campionato Europeo Under 19 2012 UEFA in Estonia. Qualche mese più tardi, ha assunto l’incarico di segretario generale della federcalcio estone (EJL), raccogliendo il testimone da Tõnu Sirel, attuale direttore della EJL.

• A partire dal 2006 l’ex direttore generale dell’FC Flora Tallinn ha ricoperto diversi ruoli di primo piano: membro del consiglio federale, del dipartimento settore giovanile della EJL, nonché di quello calcio femminile e amatoriale della federazione estone. 

• Da gennaio 2013 Rei fa inoltre parte della Commissione Calcio Femminile UEFA. 

Info Federazione

  • Fondato: 1921
  • Affiliazione UEFA: 1992
  • Affiliazione FIFA: 1923
  • Indirizzo: A. Le Coq Arena Asula 4c 11312 TALLINN
  • Telefono: +372 627 9960
  • Fax: +372 627 9969

Coefficienti club per paese

PaeseSquadreP.ti
42ERJ MacedoniaERJ Macedonia0/45.625
43MontenegroMontenegro0/35.375
44EstoniaEstonia0/45.250
45ArmeniaArmenia0/45.125
46LussemburgoLussemburgo0/44.875
Ultimo aggiornamento: 07/12/2016 08:39 CET

Palmarès delle Nazionali

Nessun titolo vinto