Islanda

IslandaFedercalcio Islandese

We care about football

Islanda crescita continua

La Federcalcio islandese è stata fondata solo nel 1947 ma la crescita è stata costante da allora.
Islanda crescita continua
Eidur Gudjohnsen ha contribuito all'ascesa del calcio islandese ©AFP

Islanda crescita continua

La Federcalcio islandese è stata fondata solo nel 1947 ma la crescita è stata costante da allora.

La Federcalcio islandese (Knattspyrnusamband Íslands o KSÍ) viene fondata solo nel 1947, ma la Federazione calcio di Reykjavík, in rappresentanza della Federazione Sportiva Islandese, si è occupata di tutte le questioni riguardanti il campionato islandese a partire dal 1912, anno della prima edizione. La KSÍ è membro della FIFA dal 1947, e della UEFA dal 1954.

Al primo campionato islandese, nel 1912, partecipano solo tre squadre, ma il calcio diventa sempre più popolare, anche se il numero delle squadre aumenta con una certa lentezza. Nell’anno della nascita della KSÍ si contano 14 squadre, delle quali 8 sono ancora in piena attività: Fram, KR, Víkingur  e Valur  di Reykjavik; Haukar e FH di Hafnarfjordur, oltre a KA e Thór di Akureyri. Oggi sono circa 80 le squadre affiliate alla KSÍ.

Il primo incontro internazionale viene disputato nel 1946, un anno prima della fondazione della KSÍ. L’avversario è la Danimarca, che infligge un sonante 3-0 alla formazione islandese.

La prima vittoria dell’Islanda giunge nel 1947, con un 2-0 sulla Finlandia a Reykjavik. Tre anni dopo la nazionale islandese riporta una delle vittorie più prestigiose della sua storia. La Svezia viene sconfitta per 4-3 in un incontro disputato nella capitale, con Ríkhardur Jónsson, giocatore dell’ÍA Akranes, che realizza quattro gol. Trascorrono 50 anni prima che la Svezia perda di nuovo contro l’Islanda. La vittoria per 2-1 dell’Islanda si compie ancora a Reykjavik. Il momento più triste, tuttavia, risale al 1967 quando a Copenaghen la Danimarca travolge l’Islanda per 14-2.

Nell'ultima decade e mezza la squadra ha offerto con regolarità ottime prestazioni. Tra queste ricordiamo il pareggio per 1-1 contro i neo campioni del mondo della Francia nel 1998, una vittoria per 1-0 contro la Russia nello stesso anno e il trionfo per 3-1 contro la Repubblica ceca nel 2001. Tra i grandi risultati da ricordare c'è anche quello del 2004, con l'Italia battuta per 2-0 a Reykjavik in amichevole allo stadio Laugardalsvöllur.

La qualificazione a UEFA EURO 2000 e UEFA EURO 2004™ viene mancata per un soffio, dimostrando che anche piccole realtà calcistiche possono mettere in difficoltà le grandi nazionali. Uno dei motivi di questo sviluppo va sicuramente ricercato nel crescente numero di giocatori islandesi che hanno intrapreso carriere professionali all’estero. E' così che arriva la qualificazione per gli Europei UEFA Under 21 in Danimarca a spese dei detentori della Germania - è la prima presenza della nazionale in uno dei grandi tornei UEFA.

Il primo giocatore professionista islandese, e uno dei più grandi di sempre, è stato Albert Gudmundsson, che, durante gli anni ’50, ha militato nelle file di Arsenal FC, AC Milan, e AS Nancy-Lorraine. Altri giocatori famosi sono stati Ásgeir Sigurvinsson, capitano del VfB Stuttgart, Atli Edvaldsson, attaccante nella Bundesliga tedesca, Arnór Gudjohnsen, che ha giocato con RSC Anderlecht e FC Girondins de Bordeaux e Eyjólfur Sverrisson, Stoccarda e Hertha BSC Berlin in Germania e Beşiktaş JK in Turchia. Attualmente sono più di 50 i giocatori islandesi impegnati all’estero, soprattutto in Inghilterra e in Scandinavia. Il più conosciuto è sicuramente Eidur Gudjohnsen, vincitore della UEFA Champions League con l'FC Barcelona e grande protagonista con le maglie di Bolton Wanderers FC, Chelsea FC e AS Monaco FC.

In origine tutti gli incontri internazionali venivano disputati al Melavöllurinn Stadium di Reykjavik, dove si registrava un’affluenza fino a 10.000 spettatori in occasione degli incontri di cartello. L’attuale stadio principale, il Laugardalsvöllur, è stato inaugurato nella capitale nel 1957 e rappresenta ora il fulcro dell’attività calcistica in Islanda. Nel 1968, più di 18.000 spettatori hanno assistito alla partita di Coppa dei Campioni tra Valur Reykjavík e l’SL Benfica di Eusébio. Record battuto solo da 20.204 spettatori che hanno visto l'Islanda battere l'Italia nell'agosto del 2004.

http://it.uefa.com/member-associations/association=isl/news/newsid=947507.html#islanda+crescita+continua

Vai in cima alla pagina  

Presidente

 

Geir Thorsteinsson

Geir Thorsteinsson

Nazionalità: islandese
Data di nascita: 9 settembre 1964
Presidente della Federcalcio dal: 2007

• Dopo aver fatto tutta la trafila delle giovanili con il KR Reykjavík, Geir Thorsteinsson intraprende il cammino arbitrale, arrivando a dirigere partite di prima squadra, e allena giovani calciatori. Accanto a questi impegni, affianca incarichi amministrativi presso il KR, prima come segretario del club, e più tardi come membro del consiglio di amministrazione e come vice presidente.

• Entra nella federcalcio islandese (KSÍ) come digirente nel 1992, diventando cinque anni più tardi general manager e in seguito presidente nel 2007. I suoi sforzi in materia di formazione degli allenatori e di sviluppo delle infrastrutture sono stati ricompensati con la partecipazione dell’Islanda a UEFA Women's EURO nel 2009 e nel 2013 e, a livello maschile, al Campionato Europeo Under 21 UEFA 2011. Nel febbraio 2015, viene eletto per il quinto mandato

• Thorsteinsson ha dichiarato: "Ci siamo impegnati al massimo per costruire il futuro, in termini di stadi, di palazzetti al coperto e di formazione degli allenatori, e i risultati sono arrivati. La partecipazione dei giovani sta aumentando e assistiamo ai progressi tecnici di molti giovani calciatori di talento, maschi e femmine".

Segretario generale

 

Klara Bjartmarz

Klara Bjartmarz

Nationalità: Islandese
Data di nascita: 3 giugno 1969
Segretario generale della federazione dal: 2015

• Klara Bjartmarz ha dedicato al calcio tutta la sua vita. Dopo essere cresciuta come portiere al Víkingur Reykjavík, divenendone anche tecnico delle giovanili, è passata al KR Reykjavík, il club più antico della capitale, e dopo molte stagioni si è trasferita allo for Stjarnan, club della vicina Gardabær.

• Dopo aver conseguito la laurea in sociologià all'Università d'Islanda, Bjartmarz è approdata alla Federcalcio islandese (KSÍ) nel gennaio 1994, divenendone un membro chiave per oltre due decenni e contribuendo alla crescita del movimento anno dopo anno. Successivamente si è specializzata in organizzazione eventi presso l'Università di Hólar, in Islanda.

• Ha ricoperto il ruolo di team manager per le nazionali islandesi femminili, occupandosi al contempo anche di registrazione dei giocatori, contratti e questioni disciplinari, divenendo poi office manager della federazione. Nel marzo 2015 è stata scelta come segretario generale ad interim, incarico per il quale è stata confermata ad agosto 2015. 

Info Federazione

  • Fondato: 1947
  • Affiliazione UEFA: 1954
  • Affiliazione FIFA: 1947
  • Indirizzo: Laugardal 104 REYKJAVIK
  • Telefono: +354 510 2900
  • Fax: +354 568 9793

Coefficienti club per paese

PaeseSquadreP.ti
33UngheriaUngheria0/49.500
34MoldaviaMoldavia0/49.500
35IslandaIslanda0/48.375
36FinlandiaFinlandia0/47.650
37AlbaniaAlbania0/36.916
Ultimo aggiornamento: 07/12/2016 08:39 CET

Palmarès delle Nazionali

Nessun titolo vinto

Competizioni nazionali