Messaggio anti-doping ai giovani

Le quattro squadre impegnate nei Campionati Europei Femminili UEFA Under 17 sono state informate sui rischi del doping e sul pericolo che potrebbero correre le loro carriere.

I pericoli del doping e di rovinare una promettente carriera sono stati presentati alle giocatrici impegnate nei Campionati Europei Femminili UEFA Under 17 in Svizzera.

Le quattro squadre hanno assistito a una lezione di un'ora che ha trattato in dettaglio la campagna UEFA anti-doping, oltre che le procedure dei controlli anti-doping che si svolgono durante tutte le competizioni UEFA.

Il presidente del panel UEFA anti-doping, Jacques Liénard, e Richard Grisdale dell'unità UEFA anti-doping, hanno parlato di fronte a un pubblco attento quando le giocatrici della Repubblica d'Irlanda e il relativo staff hanno partecipato alla lezione dedicata loro. Lezioni istruttive sull'anti-doping vengono sempre tenute durante le fasi finali delle competizioni giovanili UEFA – considerando che i giocatori giovani sono più vulnerabili alla droga e ai problemi legati alle sostanze proibite. Prima i giovani vengono istruiti, più facile sarà per loro evitare problemi.

Richard Grisdale ha presentato un video che mostrava i controlli anti-doping a UEFA EURO 2008 in Austria e Svizzera, oltre che un messaggio del brasiliano Ronaldinho che ha messo in guardia sul doping. "Quando prendi un certo medicinale, come uno sciroppo per la tosse comprato in un supermercato, o se compri degli integratori alimentari su internet, potresti risultare positivo dopo", ha avvisato Grisdale. "Dato che siete delle sportive, non siete considerate 'normali' - siete atlete ai massimi livelli. Ci sono cose che sono proibite per voi ma non per altra gente. Dovete stare molto attente. Se venite trovate positive non c'è possibilità di difesa".

Grisdale ha spiegato le varie violazioni e il codice WADA (World Anti-Doping Agency), oltre che la lista WADA delle sostanze vietate. "Se prendete una sostanza proibita, potreste venire squalificate anche per lungo tempo", ha detto. "Non potete rifiutarvi di sottoporvi a un test, anche se venite scelte dieci volte di fila. Non dovete incoraggiare o aiutare nessuno, o coprire qualcuno che abbia preso qualcosa".

Jacques Liénard ha poi parlato alle giocatrici dei medicinali che si trovano in circolazione ma che possono far risultare positivo un controllo anti-doping. Ha anche sottolineato come ci siano pacchetti con due diversi tipi di pasticche – uno di un colore che sono sicure, e uno di un altro che farebbe risultare il testo positivo.

Ha poi parlato dei pericoli delle droghe 'ricreazionali' come cannabis e cocaina, che rappresentano una tentazione per gli adolescenti. "Potreste fare qualche tiro di uno spinello a una festa – ma la sostanza resterà nel vostro corpo per lungo tempo e poi, quando vi sottoporrete a un test, sarete positive". La UEFA ha registrato una serie di casi di positività per quanto riguarda le droghe ricreazionali nell'ambito di tornei giovanili negli ultimi anni.

Oltre a fare attenzione, e non commettere una violazione – sia intenzionale che non – le giocatrici irlandesi, e di conseguenza ogni altra giocatrice che sogna di iniziare una bella carriera, dovrebbero contattare i medici della squadra in caso di dubbi o domande. "Chiedete - hanno esortato Jacques Liénard e Richard Grisdale chiudendo la sessione -. Sarebbe davvero un peccato commettere un errore".