La 25esima squadra di EURO

Gli arbitri di oggi sono atleti di alto livello; il preparatore atletico arbitrale UEFA Werner Helsen ci spiega come lui e la sua squadra hanno meticolosamente preparato i direttori di gara per UEFA EURO 2016.

Gli arbitri di oggi sono atleti di alto livello; il preparatore atletico arbitrale UEFA Werner Helsen ci spiega come lui e la sua squadra hanno meticolosamente preparato i direttori di gara per UEFA EURO 2016.

©Sportsfile


UEFA.org: Quale dosaggio di allenamento e preparazione viene richiesto agli arbitri nel periodo tra la fine delle loro competizioni  nazionali e l'inizio di EURO?

Werner Helsen: Hanno gli stessi problemi dei giocatori. I migliori giocatori che partecipano agli Europei sono solitamente coinvolti anche nelle battute finali delle competizioni europee e dei loro campionati, e lo stesso vale per gli arbitri.  Forse il problema è ancora maggiore per gli arbitri, perché hanno un'età media di 40 anni. Abbiamo un range molto vasto, alcuni arbitri sono piuttosto giovani, sui 33 anni, mentre altri ne hanno anche più di 45. Questo è qualcosa da considerare, perché più avanza l'età e più serve tempo per il recupero.

UEFA.org: Al termine della stagione, quando normalmente i direttori di gara riposano e si ricaricano, devono invece fornire prestazioni di alto livello ed essere al massimo della forma per EURO. Può essere difficile per un arbitro?

Helsen: Devono essere in forma, ma per un torneo così importante conta anche essere freschi. In questo senso ci vuole un equilibrio appropriato tra allenamento e riposo, in particolare verso la fine della stagione. E fare cose diverse dal solito più essere un modo per tenersi non solo fisicamente in forma, ma anche mentalmente freschi. Verso la fine del programma di sei settimane abbiamo pensato ad alcuni giorni dopo il volume degli allenamenti è inferiore, per riportarli alla condizione fisica migliore.

UEFA.org: Com'è cambiato il tuo approccio nel corso degli anni?

Helsen: Da scienziato dello sport, si cerca sempre di migliorare. Valgono le stesse cose che valgono per gli allenatori. Abbiamo modificato di recente la questione della prevenzione infortuni. Il livello di forma di questi arbitri si è alzato negli ultimi 10/15 anni, devono allenarsi molto intensamente ma allo stesso tempo non possono fare troppo. 

UEFA.org: Si fa sempre più attenzione agli assistenti, che hanno una loro preparazione specifica. Perché? attention has been given to assistant referees, and they have their own specific fitness training. Why was this considered necessary?

Helsen: Ora è chiaro che la velocità del gioco è cambiata, non solo per gli arbitri, in maniera drastica. La velocità che devono avere gli assistenti è superiore persino a quella degli arbitri. Quindi lo sprint è diventato ancora più importante per loro. Il numero di scatti è aumentato del 50%, la corsa ad alta intensità sulle lunghe distanze del 30%, e la distanza dello sprint del 35%. 

UEFA.org: C'è un limite raggiungibile in termini di fitness? Certe volte pensi che si sia raggiunto il limite?

Helsen: Dipende dai limiti della macchina umana. Quando ricevo il file del fitness di un arbitro, e guardo ai battiti cardiaci e alla distanza coperta nelle zone ad alta velocità, e lo confronto con i fogli che ricevo dalla UEFA sui giocatori, vedo che gli arbitri spesso fanno la stessa corsa veloce dei calciatori (certe volte di più) che però hanno 15 o 20 anni di meno. E' impressionante.

UEFA.org: A UEFA EURO 2016, le partite si giocano a temperature molto alte, 35 gradi o di più. Come preparate gli arbitri per questo?

Helsen: A seconda del momento della giornata certe condizioni hanno più o meno impatto. La grande questione è prendersi cura preventivamente dell'idratazione. Facciamo molta attenzione a questo nei giorni precedenti una partita. Poi durante una gara è il ruolo del quarto uomo assicurarsi che la squadra arbitrale, fin dall'inizio del riscaldamento, resti idratata fino al termine dell'incontroh.

UEFA.org: quando si guarda agli arbitri moderni, devi essere orgoglioso del contributo che hai dato alla loro forma fisica.

Helsen: Io ho iniziato a lavorare per la UEFA nel 1999, e il mio primo EURO è stato quello del 2000 in Belgio e Olanda, quindi questo è il mio quinto Campionato Europeo. Quando vedo questi arbitri, e non parlo di quelli più giovani ma di quelli più espoerti, e l'immagine fisica che forniscono, ho molto rispetto per quello che fanno fisicamente alla loro età. C'è un enorme rispetto…