Gli esperimenti a EURO Under 21 in Polonia

Due esperimenti verranno attuati nella fase finale di EURO Under 21 in Polonia: la quarta sostituzione nei tempi supplementari e le ammonizioni ed espulsioni per i membri non giocatori dell'area tecnica.

©Actionphoto

Due esperimenti, definiti dai legislatori del calcio dell'International Football Association Board (IFAB), verranno attuati nella fase finale dei Campionati Europei UEFA Under 21 in Polonia.

Gli allenatori avranno la possibilità di effettuare una quarta sostituzione nei supplementari, mentre gli arbitri potranno ammonire ed espellere i membri del personale non giocatore dell'area tecnica. La decisione di condurre le due prove è stata presa il 1° giugno a Cardiff dal Comitato Esecutivo UEFA.

Quarta sostituzione

Secondo le linee guida dell'esperimento, un quarto cambio è consentito se la partita va ai supplementari. La quarta sostituzione può essere effettuata indipendentemente dal fatto che la squadra abbia sfruttato o meno il numero massimo di cambi.

La IFAB ha deciso di analizzare l'impatto che l'uso di una quarta sostituzione ai supplementari avrebbe sulla partita e sul risultato in seguito alle tante richieste della comunità calcistica.

I legislatori del calcio hanno ricevuto i risultati di un'indagine preliminare ristretta condotta dalla FIFPro, che ha dimostrato che una quarta sostituzione favorirebbe giocatori, allenatori e amministratori del calcio. Quasi l'85% delle persone consultate si sono dette favorevoli alla quarta sostituzione.

Per consentire lo studio, la IFAB ha richiesto statistiche dettagliate delle precedenti competizioni con tempi supplementari degli ultimi quattro anni, ricevendo inoltre dei feedback da alcuni protagonisti del calcio come allenatori e staff medici

Cartellini gialli/rossi per il personale non giocatore

L'uso di cartellini gialli/rossi per il personale non giocatore mira a chiarire quando un giocatore o un dirigente viene ufficialmente redarguito o espulso dall'area tecnica, il tutto all'interno dell'iniziativa 'Play Fair' della IFAB. L'arbitro ha quindi adesso il diritto di interrompere il gioco per ammonire o espellere la parte offendente.

La mancata collaborazione con un ufficiale di gara, come ad esempio ignorare una richiesta del quarto uomo, o entrare nel terreno di gioco in modo non conflittuale, potrebbe portare a un richiamo ufficiale da parte dell'arbitro o del quarto uomo.

Si potrebbe incorrere in un'ammonizione in caso di gesti irrispettosi verso gli ufficiali di gara, come ad esempio gli applausi ironici. Lanciare o calciare una bottiglietta, gesticolare per un giallo o un rosso e l'ingresso deliberato nell'area tecnica della squadra avversaria, rientrano tutte tra le infrazioni che potrebbero portare il personale non giocatore a incorrere in sanzioni.

Tra le infrazioni che potrebbero portare al rosso per un membro del personale non giocatore ci sono: aggressione o comportamento aggressivo verso un membro della squadra avversaria o verso un arbitro; minacce, ingiurie o linguaggio offensivo; mettersi faccia a faccia in maniera ostile con l'arbitro in campo; o gettare o calciare deliberatamente un oggetto in campo.

Tornei futuri

Il Comitato Esecutivo UEFA ha stabilito a Cardiff che entrambi gli esperimenti proseguiranno negli altri tre tornei per nazionali in programma nel 2017: UEFA Women's EURO 2017 in Olanda; i Campionati Europei UEFA Under 19 in Georgia e i Campionati Europei UEFA Under 19 Femminili in Irlanda del Nord.