Cinque arbitri che convincono

La commissione UEFA competente in materia ha giudicato positivamente l’esperimento in corso dei due assistenti arbitrali posizionati dietro le porte.

©UEFA.com

L’esperimento dei due assistenti arbitrali in più per aiutare il direttore di gara a prendere le decisioni corrette continua a guadagnare consensi all’interno della famiglia calcistica europea.

Giudizio favorevole
La Commissione Calcio UEFA, presieduta da Franz Beckenbauer (Germania) e composta da altri illustri ex calciatori, si è espressa favorevolmente in occasione dell’ultima riunione svoltasi a Nyon questa settimana. L’esperimento dei cinque ufficiali di gara è in corso nella UEFA Europa League 2009/10 su proposta del presidente della UEFA Michel Platini, previa approvazione della Commissione Esecutiva FIFA a Nassau, Bahamas, in estate, e a seguito di precedenti esperimenti durante il Campionato Europeo Under 19 UEFA nell’autunno del 2008.

Focus sull’area di rigore
L’esperimento consiste nello schierare, oltre al direttore di gara e ai due guardalinee, altri due assistenti arbitrali dietro la porta, il cui compito è di concentrarsi su episodi, quali falli o condotta impropria, che si verificano in area di rigore.

Benefici già evidenti
La commissione ha convenuto che i benefici erano già evidenti in questa fase. In attesa delle analisi conclusive, quattro occhi in più stanno dando già un significativo aiuto agli arbitri contribuendo non soltanto a ridurre al minimo gli errori arbitrali, specialmente in area di rigore, ma anche a migliorare la condotta dei giocatori.

Condotta dei giocatori
Inoltre, la commissione ha discusso degli sforzi per migliorare la condotta dei giocatori in campo. L’influenza delle associazioni dei calciatori, il senso di responsabilità degli allenatori e un generale senso di rispetto professionale sono considerati aspetti in grado di determinare una buona condotta dei giocatori.

Importanza delle squadre nazionali
La commissione ha affrontato quindi il tema dell’importanza delle squadre nazionali, portabandiere dello stile e dell’identtità calcistica di un paese. A fronte di un incremento della globalizzazione, si ritiene che le federazioni nazionali ricoprano un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’identità calcistica nazionale, attraverso la promozione della squadra nazionale, la crescita dei giocatori e i programmi formativi per i tecnici.

Commissione Calcio UEFA
Presidente:
Franz Beckenbauer (Germania)
Vice presidente: Vitaly Mutko (Russia)
Primo vice presidente: Pavel Cebanu (Moldova)
Secondo vice presidente: Dejan Savićević (Montenegro)
Terzo vice presidente: Grzegorz Lato (Polonia)

Membri:
Demetrio Albertini (Italia)
Revaz Arveladze (Georgia)
Miodrag Belodedici (Romania)
Zvonimir Boban (Croazia)
Ivan Ćurković (Serbia)
Fernando Hierro (Spagna)
Julius Kvedaras (Lituania)
Yordan Letchkov (Bulgaria)
Anton Ondruš (Slovacchia)
Gordon Smith (Scozia)