Finale a Lisbona, vietato fumare

La UEFA ribadisce il suo impegno verso la salute pubblica annunciando che nella finale di UEFA Champions League all'Estádio do Sport Lisboa e Benfica di Lisbona sarà vietato fumare in tutte le aree.

©Sportsfile

La UEFA ribadisce il suo impegno verso la salute pubblica annunciando che nella finale di UEFA Champions League, in programma sabato all'Estádio do Sport Lisboa e Benfica di Lisbona, sarà vietato fumare in tutte le aree.

Per l'attesa sfida tra Real Madrid CF e Club Atlético de Madrid, il divieto sarà valido in tutte le aree interne ed esterne allo stadio dopo aver varcato i cancelli di ingresso. All'interno dello stadio, gli altoparlanti ricorderanno il divieto di fumo. Questa misura apporta benefici ai tifosi e a tutti gli addetti ai lavori riducendo l'esposizione al fumo passivo. Alle persone che fumano sigarette, anche elettroniche, verrà chiesto di spegnerle.

La decisione della UEFA di vietare il fumo nelle competizioni europee per club invia un messaggio forte a tutti gli spettatori e ribadisce il legame tra il calcio e la buona salute. Lo stesso divieto è stato applicato nella finale di UEFA Europa League della scorsa settimana a Torino. A UEFA EURO 2012 in Polonia e Ucraina, la UEFA ha proibito totalmente l'uso, la vendita o la promozione del tabacco in tutti gli stadi.

La decisione è un esito naturale dell'impegno della UEFA, che intende promuovere uno stile di vita sano attraverso il calcio. Si tratta di un'importante tematica dell'organo di governo del calcio europeo e delle attività di responsabilità sociale, che sfruttano lo status e la popolarità del calcio per affrontare alcuni problemi legati alla salute, alla società e all'ambiente in Europa.