Il calcio per l'inclusione sociale

L'importante ruolo che i diversamente abili possono avere nel calcio è il punto focale della quinta Week of Action organizzata dal Centre for Access to Football in Europe (CAFE), partner di responsabilità sociale della UEFA.

CAFE Weeks of Action
CAFE Weeks of Action ©CAFE

L'importante ruolo che i diversamente abili possono avere nel calcio è il punto focale della quinta Week of Action organizzata dal Centre for Access to Football in Europe (CAFE), partner di responsabilità sociale della UEFA.

La CAFE Week of Action, in programma dal 4 al 12 marzo, ha l'obiettivo di coinvolgere i diversamente abili nel calcio come spettatori, giocatori, allenatori, amministratori, volontari o figure decisionali.

"Total Football Total Access" è il tema dell'ultima edizione della Week of Action, inaugurata nel 2013. Club, stadi, associazioni e gruppi di tifosi organizzeranno attività in tutta Europa.

"La Settimana rappresenta un'opportunità ideale per sensibilizzare le persone sull'accesso e l'inclusione - commenta il CAFE -, e per integrare meglio i diversamente abili nella società utilizzando il grande potere del calcio".

La UEFA collabora da tempo con il CAFE. Per questo, il presidente UEFA Aleksander Čeferin dà un grande sostegno alla Week of Action. 

"La UEFA vuole utilizzare la portata globale del calcio per promuovere l'inclusione sociale - ha commentato il presidente Čeferin -. Questo sport deve essere aperto a persone di qualsiasi sesso, religione e abilità. Ognuno ha il diritto di godersi lo sport che ama".

"Insieme al CAFE, cerchiamo di migliorare l'accesso al calcio per i diversamente abili e aiutarli ad avere un ruolo più completo nella società".

Nel 2015, il Comitato Esecutivo UEFA ha introdotto nuove disposizioni nei Regolamenti sulle licenze per club e il fair play finanziario, imponendo ai club di nominare un funzionario dedicato all'accesso per i diversamente abili.

Il CAFE considera questa novità "una tappa importante per i diversamente abili in Europa, che porterà a una maggiore consapevolezza sulla disabilità in tutti i livelli del calcio".

"Ora, l'accesso e l'inclusione sono sull'agenda di tutte le federcalcio nazionali e i tifosi diversamente abili hanno un referente univoco nei rispettivi club".

Quest'anno debutta anche la mascotte ufficiale della Week of Action, Max Access. Max è un giovane tifoso diversamente abile che aiuterà a pubblicizzare gli eventi dell'iniziativa Total Football Total Access.