UEFA e ECA vicine all'accordo

L'organo di governo del calcio europeo e l'Associazione dei Club Europei hanno raggiunto un accordo temporaneo sul Memorandum d'intensa tra le due organizzazioni.

A UEFA flag flies at the UEFA European Under-19 Championship in northern France
A UEFA flag flies at the UEFA European Under-19 Championship in northern France ©Sportsfile

La UEFA conferma di avere raggiunto in data odierna un accordo temporaneo con l'Associazione dei Club Europei (ECA) sulla firma del rinnovato Memorandum d'Intesa tra la UEFA e la ECA, che entrerà in vigore dall'1 giugno 2012 al 30 maggio 2018.

Entrambe le parti hanno concordato soluzioni riguardo a diverse questioni chiave, tra cui: l'incremento della cifra concordata da distribuire ai club che hanno contribuito al successo dell'edizione di UEFA EURO 2012 (fissata a 55 milioni di euro a gennaio 2008) e a quello futuro di UEFA EURO 2016, nonché del calcio a livello di squadre nazionali in genere; una polizza assicurativa che copra i rischi di infortunio quando si è impegnati con le squadre nazionali; UEFA e ECA hanno raggiunto inoltre un accordo congiunto sulla proposta di calendario delle squadre nazionali, equilibrando gli interessi delle squadre nazionali e dei club.

Il rinnovato Memorandum d'Intesa sarà presentato il 22 marzo al Congresso UEFA a Istanbul. Per quanto riguarda le proposte del calendario internazionale, occorre l'approvazione della FIFA.

Commentando la notizia, il segretario generale della UEFA Gianni Infantino, presente all'Assemblea Generale ECA a Varsavia, ha dichiarato: “La UEFA e i club europei lavorano fianco a fianco nell'interesse di calciatori, club, squadre nazionali e calcio in generale. Con il nuovo accordo che per la prima volta prevede un'assicurazione per i calciatori tesserati con i club europei, non soltanto curiamo i calciatori, i club e le federazioni nazionali, ma dimostriamo anche rispetto e coesione con le altre confederazioni calcistiche”.

"Siamo quindi particolarmente lieti dell'annuncio dell'accordo con l'ECA e altrettanto ottimisti che la nostra proposta di calendario sia approvata dalla FIFA, che ha sempre mantenuto aperto il dialogo con noi su questa questione”.