LA UEFA incontra i tifosi

All'annuale meeting a Nyon, la UEFA ha incontrato le associazioni di tifosi e ha ribadito che il loro contributo è importante per rendere il calcio sempre più popolare.

Representatives of UEFA and supporters' groups at the Nyon meeting.
Representatives of UEFA and supporters' groups at the Nyon meeting. ©UEFA

La UEFA ha incontrato le associazioni di tifosi e ha ribadito che il loro è importante per rendere il calcio sempre più popolare.

L'annuale meeting presso la Casa del Calcio Europeo di Nyon è diventato un importante appuntamento nel calendario UEFA. Il vertice funge da piattaforma di consulenza e permette ai tifosi di esprimere le loro opinioni, mentre la UEFA ascolta e risponde con consigli utili. Entrambe le parti, inoltre, presentano idee e proposte per ulteriori delibere a vari livelli, nel tentativo di offrire maggiori benefici al calcio europeo e ai tifosi.

Alla settima edizione del meeting, la UEFA era rappresentata dal presidente Michel Platini, dal membro del Comitato Esecutivo Peter Gilliéron, dal vicesegretario generale Theodore Theodoridis e dei membri dell'amministrazione. I gruppi di tifosi erano rappresentati da Football Supporters Europe (FSE), Supporters Direct (SD) Europe e dal Centre for Access to Football in Europe (CAFE). Tutti e tre le associazioni ricevono un sostegno e un riconoscimento specifico da parte della UEFA.

La UEFA comprende che i tifosi sono la linfa vitale del calcio e Michel Platini si è detto soddisfatto che la UEFA e le tifoserie lavorino per raggiungere un'intesa su vari fronti. “I tifosi fanno parte della famiglia del calcio - ha dichiarato -. Sono molto contento di poter dialogare con loro. I tifosi sono importanti come il pallone e i giocatori. Se questi ultimi non ci fossero, giocare a calcio sarebbe difficile. Senza tifosi, sarebbe brutto giocare in uno stadio vuoto”.

Football Supporters Europe è una rete indipendente, rappresentativa e democratica di tifosi con membri in 42 paesi europei. Il suo lavoro consiste nel contribuire alle campagne contro la violenza, promuovere le attività per gli appassionati del calcio di base e instaurare una mentalità positiva da tifosi, oltre che coltivare valori positivi come il fair play e la buona amministrazione.

Supporters Direct rappresenta oltre 180 associazioni di tifosi e organizzazioni simili in tutta Europa, con oltre 400.000 membri. Promuove il valore del tifo e il coinvolgimento della comunità nella proprietà e nella gestione dei club, consentendo ai tifosi di diventare una voce costruttiva. L'organo lavora con la UEFA per nominare un funzionario di collegamento con ogni club, un requisito indispensabile per ottenere la licenza UEFA e rafforzare il legame tra le società e i tifosi.

CAFE lavora con i portatori di interesse in tutta Europa per migliorare l'esperienza dei tifosi diversamente abili allo stadio. CAFE collabora con la UEFA e con le federazioni, ma anche con club, gruppi locali e nazionali, ONG e reti di tifosi. Insieme alla UEFA ha redatto un documento intitolato "Access for All: Good Practice Guide to Creating an Accessible Stadium and Matchday Experience".

Come sempre, le tre organizzazioni di tifosi hanno presentato le loro attività e hanno parlato dei lavori futuri, in particolare della collaborazione con la UEFA. Tra i vari argomenti si è parlato delle finali delle competizioni per club, piani di accesso per i tifosi diversamente abili alle due partite, linee guida per l'ingresso degli spettatori, viaggi per i tifosi in trasferta e risultato dei progetti finanziati dalla UEFA e dalla Commissione europea.

I tre organismi di tifosi hanno espresso il loro ringraziamento nei confronti della UEFA per un atteggiamento positivo verso il loro lavoro, mentre la UEFA ha confermato che il dialogo è una componente essenziale di questo rapporto: i tifosi sono infatti necessari per dare forma al calcio del futuro e suggerire idee preziose.